66
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-66,cookies-not-set,qode-social-login-1.1.3,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.2.1,select-child-theme-ver-1.1,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Acqua Aria Terra Fuoco

Acqua Aria Terra Fuoco è una piccola installazione partecipata all’interno del Parco Nazionale della Sila (CS) ricca di significato.

È qui che «… il calavrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato » (Dante Alighieri, Paradiso, Canto XII, vv. 140-141), attraverso i Cerchi Trinitari raffigura la storia dell’umanità in tre ere. Quattro cerchi in sequenza,  dislocati nel  bosco della Sila, ci sorprendono e ci emozionano nel raccontarci attraverso le forme ed  i materiali trovati sul posto, un ‘interpretazione allegorica dei quattro elementi cosmogonici. L’interpretazione è legata al tema del giardino e al suo progetto, dove l’Acqua è l’energia che tutto muove, l’Aria è intesa come limite, orizzonte, recinto. La Terra è rappresenta dal suolo, dalla sua modellazione mentre il Fuoco segna con i suoi flussi  i percorsi.

Luogo

Lago Ampollino (CS)

Anno

2010

Team

Michelangelo Pugliese con Maria Rita Paletta (educatrice professionale)